글로버메뉴 바로가기 본문 바로가기 하단메뉴 바로가기

논문검색은 역시 페이퍼서치

이탈리아어문학검색

LETTERE ITALIANE


  • - 주제 : 어문학분야 > 이탈리어문
  • - 성격 : 학술지
  • - 간기: 연3회
  • - 국내 등재 : -
  • - 해외 등재 : -
  • - ISSN : 1598-5598
  • - 간행물명 변경 사항 : 이어이문학(~2004)→이탈리아어문학(2005~)
논문제목
수록 범위 : 38권 0호 (2013)
6,200
초록보기
Ungaretti e meglio conosciuto come "Ungaretti ermetico" ma il suo ermetismo matura con le poesie del Sentimento del tempo non dal primo momento del suo poetare. Il suo periodo lettarario si divide in tre parti: L`Allegria e Sentimen to del tempo e post-Sentimento del tempo. A questo dividere in tre parti anche egli stesso si e partecipato dandosi il giusto titolo ad ogni raccolta. Ungaretti dopo l`esperiza nella trincea della guerra ha scritto Prime nell`Allegria e si e messo in cerca delle nuove poesie e cosi nasce anche le Prime del Sentimento del tempo. C`e una poesia che coincide in tutti e due sezioni: O notte. La forma peculiare di primo Ungaretti viene dal fatto che le sue prime poesie sono scritte nella trincea della guerra. Egli guardando la morte dei suoi commilitoni comincia a guardare piu profondamente il destino degli uomini e se stesso ma durante la guerra scrivere la poesia e dovuta essere un lavoro veloce e immediato. Cosi nasce la particolarita delle prime poesie di Ungaretti: unica e nuova. Dopo la guerra come tutti gli altri quelli che hanno sentito il bisogno di riflettere la tradizione del passato per la causa della delusione presa dalla fiducia del pregresso nell`epoca bellica anche Ungaretti ha voluto ricostruire l`identita della sua poesia. La caratteristica forma di O notte dimostra il cambiamento il quale egli stesso ha voluto e anche la continuita con le parole che costituiscono la poesia: ci sono 4 titoli delle poesie negli anni 16. Analizzando ogni poesia che compresa come la parola poetica di O notte si puo notare che il poeta parla la fragilita dell`essere umano davanti alla violenza della guerra e osserva se stesso scendendo fino alla profonda del suo essere e alla fine con la memoria dell`infanzia risale per far sapere la vitalita che la poesia ha. O notte e scritta nel 1919 dopo la guerra, in questa poesia ungaretti parla sulla sua contemplazione del passaggio di un giorno. Raccogliendo le sue memorie e non ignorando le sue esperienze sulle sue spalle ed anche non isolano mai il suo presente egli cammina verso il futuro. Percio con lo studio di questa poesia si puo intendere piu facilmente la continuita e il cambiamento della poetica di Ungaretti tra il primo e il secondo periodo.

디노 붓차티 작품에 나타난 운명의 의미

박문정 ( Park, Moon Jung )
6,600
초록보기
Questo articolo ha lo scopo di analizzare il concetto del destino nelle opere letterarie di Dino Buzzati, autore della seconda generazione del Novecento e che ciononostante si differenzia rispetto agli altri autori del Neorealismo. Nel primo capitolo dell`articolo, seguendo la situazione europea e Italiana dall`inizio del Novecento, si e rintracciato il significato delle opere letterarie di Dino Buzzati nella storia della letteratura italiana del Novecento. Dino Buzzati ha accettato il flusso artistico in Europa e ha intuito le esigenze dei cambiamenti letterari di quel tempo, il suo mondo letterario si e ispirato infatti al Surrealismo e al Realismo Magico, movimenti antagonisti rispetto al Canone assoluto del periodo. Nel secondo capitolo viene trattato il concetto del destino umano attraverso la rappresentazione dello spazio della montagna rintracciabile nei tre romanzi del primo periodo Barnabo delle montagne (1933), Il deserto dei Tartari (1940) e Il segreto del Bosco Vecchio (1935). Il tema della montagna appariva ripetutamente nelle sue opere. La montagna e uno spazio letterario per riflettere sul passare del tempo e anche un posto che riflette la legge della sopravvivenza e il dominio del piu forte. Ma ironicamente, con la montagna che e comunque uno spazio realistico, si avverte ancora di piu il senso misterioso e fantastico della natura. Buzzati ha costruito quindi il suo mondo letterario attraverso una rappresentazione fantastica dello spazio realistico. Nel terzo capitolo viene analizzato il significato della morte nei Racconti e ne Poema a Fumetti (1969). Buzzati voleva rappresentare l`evento della morte con l`immagine del passaggio attraverso una porta. Dopo aver superato quella porta ci si aspetta una liberta totale ma non la liberta di riattraversare quella porta. Il mondo in cui viviamo e simboleggiato da una montagna e alla fine tutti gli uomini sono destinati ad attraversare la porta della morte. Buzzati ha espresso il concetto del destino degli uomini nelle sue opere attraverso l`intersezione fra il tema della montagna e dell`evento della morte, con un punto di vista diverso rispetto agli altri autori italiani della seconda generazione nel Novecento.
7,800
초록보기
Dante Gabriel Rossetti is one of the main interpreters of Dante, both in literature and the visual arts; he translated Dante`s Vita nuova (as well as poetry by Dante`s contemporaries) into English and revived Dante`s literary world in his paintings. His interpretations were unique as his technique of painting. This is because he had no opportunity to have formal training in fine art. In fact, he was criticized for his technical immaturity in drawing and perspective which, ironically, led him to express his vision with more originality. However, more importantly, his originality needs to be traced to his absorption in Dante`s literary world, which, with its inexhaustible inspiration, had produced many, diverse adaptations. The relationship with Dante was crucial in order for Rossetti to establish his own way of expressing himself. This is because for Rossetti conveying symbols and meanings was much more serious than technique. In particular, we need to note that the originality of Rossetti`s vision did indeed derive from his contemplation of Dante`s literature; here the vision can be understood as that which Dante pursues in his pilgrimage toward salvation. This vision allows them to see the eternal value and truth beyond the superficial perception of things. This paper aims to read closely the paintings that Rossetti based on Dante and thereby show that his interpretations are indispensable for understanding the aesthetic value of Dante`s literature. As poet and painter, Rossetti created the so-called two-fold work of art in the way in which he includes Dante`s linguistic text in the frame of his paintings or writes it into the paintings directly. By this means he seems to have strived to show the reciprocal effect of saturation between word and image. His paintings are realistic in that they faithfully represent Dante`s world, in which Dante`s contemporary realities are inexorably related, and, at the same time, fantastic in that they always display symbolic and allegorical signification. He can be evaluated as a translator of Dante; here what translation means is something not only literary but also cultural insofar as, through his capacity of creative alteration, he promoted the alternative development of the language and culture to which he belonged.

『제노의 의식』-교양소설로 읽기

주효숙 ( Joo, Hyo Sook )
6,400
초록보기
Si puo dire che lo scopo di bildungsroman sia la socializzazione da soppravivere alla societa. In questa ricerca cerco di verificare come il protagonista Zeno sta in fermo per tutta la vita e si annuncia che la sua malattia non e guarita. Si puo riassumere la『La coscienza di Zeno』di Itlao Svevo: il protagonista e Zeno Cosini, un maturo e ricco commerciante di Trieste, quasi intossicato dal fumo, e stato indotto dal suo psicoanalista a scrivere un`autobiografia, nella speranza che cio lo aiuti a guarire dal pericoloso vizio. Interrotta dal paziente la terapia, il medico Dottor S., per vendetta, ne pubblica le memorie. Zeno nel racconto ripercorre sei significativi episodi della sua vita, legati da una radice comune, l`incapacita di vivere, l`inettitudine che e la sua vera malattia. Ricorda come comincio a fumare e come non sia mai riuscito ad accendere "l`ultima sigaretta". Il susseguirsi di pentimenti, buoni propositi e fallimenti che si realizza rispetto al fumo si estende anche alle circostanze piu importanti della vita: al difficile rapporto col padre, fatto, fino alla sua morte, di diffidenza e incomprensione; al matrimonio con Augusta, accettato sotto la spinta del caso e poi rivelatesi felice; alla relazione con la giovane Carla, voluta per sconfiggere la paura d`invecchiare e di cui non si assume alcuna responsabilita morale; al rapporto di amore e odio col cognato Guido, colpevole di aver sposato Ada, di cui Zeno era innamorato; all`associazione commerciale che ha costituito con lui. Nell`ultimo episodio la guerra sorprende Zeno ed egli ne rimane sconvolto. Ancora una volta la sorte Io aiuta e gli consente di arricchirsi con un fortunato commercio. Cio lo fa sentire forte e sano e lo spinge ad abbandonare la cura psicoanalitica. Chiude il romanzo l`apocalittica previsione di una catastrofe, prodotta dagli ordigni di guerra e che travolgera la terra. In questa anialisi si e provato a leggere『La coscienza di Zeno』come bildungsroman per fare la ricerca la crescita mentale di Zeno. Zeno rinuncia auto-coscientemente a crescere mentalmente per tutta la vita. si rimanda alla prossima ricerca il perche: verificandosi il motivo di rinunciare la crescita mentale aspetto anche di poter svelare cosa era la coscienza di Italo Svevo tramite 『La coscienza di Zeno』.

제국과 교회 갈등의 중추로서의 페데리코 2세 연구

한성철 ( Han Sung Chul )
6,100
초록보기
Federico II Hohenstaufen fu re di Sicilia, Duca di Svevia, re di Germania e Imperatore del Sacro Romano Impero. Apparteneva alla nobile famiglia sveva degli Hohenstaufen e discendeva per parte di madre dalla dinastia normanna degli Altavilla, regnanti di Sicilia. Conosciuto con gli appellativi "meraviglia o stupore del mondo" o "fanciullo di Puglia", Federico II era dotato di una personalita poliedrica e affascinante che, fin dalla sua epoca, ha polarizzato l`attenzione degli storici e del popolo, producendo anche una lunga serie di miti e leggende popolari, nel bene e nel male. Il suo regno fu principalmente caratterizzato da una forte attivita legislativa e di innovazione artistica e culturale, volte ad unificare le terre e i popoli, fortemente contrastata dalla Chiesa. Egli stesso fu un apprezzabile letterato, convinto protettore di artisti e studiosi. La sua corte fu luogo di incontro fra le culture greca, latina, araba ed ebraica. Uomo di straordinaria cultura ed energia, stabili in Sicilia e nell`Italia meridionale un qualcosa molto somigliante a un moderno regno governato centralmente con una burocrazia efficiente. Federico II parlava alcune lingue straniere inclusa il arabo e gioco un ruolo importante nel promuovere la letteratura attraverso la Scuola Siciliana della poesia. La sua corte siciliana reale a Palermo, dal 1220 circa sino alla sua morte, ha visto il primo utilizzo di una forma letteraria di una lingua romanza, il siciliano. La poesia che veniva prodotta dalla scuola ha avuto una notevole influenza sulla letteratura e su quella che sarebbe diventata la moderna lingua italiana. La scuola e la sua poesia furono salutate da Dante e dai suoi contemporanei. E pur vero che le lotte religiose e civili di cui fu protagonista hanno comportato per lungo tempo valutazioni interessate ove non addirittura faziose che non hanno contribuito alla formulazione di giudizi veramente sereni.

The evaluation of language learning

( Graziano Serragiotto )
6,600
초록보기
La valutazione, in generale, e uno dei momenti irrinunciabili dell`azione didattica da parte di ogni insegnante. Da sempre emergono delle difficolta oggettive che nascono dalla complessita di costruire, interpretare e utilizzare prove di verifica che possano essere pertinenti e significative. Inoltre, vi e spesso l`impossibilita di tenere in stretta considerazione fattori che riguardano la dimensione personale dello studente e del docente stesso nel processo valutativo.Ogni insegnante che si qualifichi come competente, dovrebbe possedere la competenza valutativa che gli consente di monitorare il suo percorso didattico per migliorarlo, gestirlo, cambiarlo e, non ultimo, di assecondarlo alle esigenze di chi sta apprendendo, vale a dire degli allievi.Da questo angolo di lettura, quindi, la valutazione implica necessariamente l`esistenza di un progetto, di obiettivi e di mete che sono state fissate e che devono essere verificate. In questo senso, si sono forniti dei criteri pratici di resa valutativa con lo scopo di riconoscere l`oggetto di studio nella complessita e unitarieta.Secondo questa prospettiva, valutare significa attribuire o dichiarare il valore di qualcosa e valorizzare qualcosa in funzione di uno scopo che include l`apprendimento e la sua gestione. Una definizione, questa, che rende il processo valutativo un`attivita del pensiero produttivo, comparativo e critico, in modo che risulti essere funzionale alla crescita, al cambiamento e allo sviluppo degli apprendenti.
1