글로버메뉴 바로가기 본문 바로가기 하단메뉴 바로가기

논문검색은 역시 페이퍼서치

이탈리아어문학검색

LETTERE ITALIANE


  • - 주제 : 어문학분야 > 이탈리어문
  • - 성격 : 학술지
  • - 간기: 연3회
  • - 국내 등재 : -
  • - 해외 등재 : -
  • - ISSN : 1598-5598
  • - 간행물명 변경 사항 : 이어이문학(~2004)→이탈리아어문학(2005~)
논문제목
수록 범위 : 40권 0호 (2013)

이탈리아 광고언어 연구: 텍스트성을 중심으로

강순행 ( Soon Haeng Kang )
6,100
초록보기
Questo lavoro tratta della testualita nella pubblicita italiana sulla base dei sette criteri per analizzare la testualita proposti da Beaugrande & Dressler (1981): coesione (testo), coerenza (mondo), intenzionalita (emittente), accettabilita (ricevente), informativita (acquisizione di nuove nozioni), situazionalita (contesto comunicativo), intertestualita (affinita tra testi). In primo luogo, ho cercato di definire il significato di coesione e coerenza sulla testualita del linguaggio nella pubblicita italiana. Successivamente, ho esaminato le caratteristiche della linguistica testuale nella pubblicita italiana. Poi, ho individuato una testualita basata su ricorrenza e parafrasi, pro-forme e ellissi. La ricorrenza e la parafrasirafforzano la continuita sintattica e la coesione del testo, le pro-formetrasmettono informazioni in modo rapido e la loro funzione principale e adeguata al focus dell`informazione nuova. Tuttavia le pro-forme non vengono applicati frequentemente nella pubblicita, perche la pubblicita e breve. Inoltre ho potuto confermare che l`ellissi e molto importante nella coesione del testo. Per quanto riguarda l`intenzionalita e l`informativita,ho cercato di analizzarle applicando la teoria dei tipi di atti linguistici di Searle e il concetto di Tema-rema.

이탈리아어의 주어 도치

김명배 ( Myung Bae Kim )
6,200
초록보기
이탈리아어는 어순이 비교적 자유로운 언어로 알려져 있다. 이러한 현상은 통사적으로 영주어 언어라는 특성과 밀접한 관련이 있으며 비교 적 자유로운 주어도치 현상과도 깊은 연관이 있다. 본 논문에서는 이탈 리아어의 주어 도치는 화용적 요소인 정보구조와 밀접한 관련이 있다는 점을 밝히고자 하였다. 또한 주어 도치가 나타나야만 하는 통사적 조건 도 제시하고자 하였다. 본 연구를 통해 이탈리아어의 화제요소는 문장 의 좌측에 나타나고 초점요소는 우측에 나타난다는 것을 살펴보았다. 그러나 화제와 초점이 반드시 이러한 고정된 통사위치에 나타나는 것은 아니었다. 출현구문에서는 도치 주어만 가능하며 도치구문의 명시 논항 은 문장 앞에 명시 전치사구가 나타난다는 특징을 보여주었다. 이때 명 시 전치사구는 장소나 시간을 표시하여야만 한다는 특성도 살펴볼 수 있었다. 또한 전치된 전치사구는 직시적이어야 하며 어휘동사에 의해 선택된 논항이어야 한다는 특성도 보여주고 있다.

이탈리아어의 수동태와 수동화 si 2

김운용 ( Woon Yong Kim )
6,400
초록보기
Avrei voluto rappresentare la differenza fra la voce passiva e si passivante sia con esempi sia con HPSG(Head-Driven Phrase Structure Grammar). Prima di estendere la teoria, ho investigato il fenomeno e gli particolari, e poi ho provato di spiegarli con la struttura di HPSG. Per la voce passiva, ho introdotto l`opinione di Sag, Wasow & Bender(2003), e la regola passiva lessicale. E per si passivante, ho presentato la regola lessicale del si passivante.
6,200
초록보기
Grazia Deledda nasce a Nuoro il 27 settembre 1871. Nel 1900 sposa Palmiro Madesani, funzionario ministeriale, e si stabilisce a Roma dove rimarra fino alla morte(1936). A Roma vedono la luce, tra le altre, le opere: Elias Portolu, il suo capolavoro, Cenere, L`edera, Canne al vento, Marianna Sirca. Nel 1926 Riceve il Premio Novel nella letteratura. I romanzi deleddiani rapresentano generalmete l`amore non adatto alla situazione fra personaggi che affacciano alla difficolta dell`amore e finalmente devono sottomettere alle regole sociali. In questo saggio ho parlato dell`eros colto dall`impulso nero di Noemi, del senso di colpa, e dell`espiazione di Efix, osservando Canne al vento.

단테의 사랑: 성(聖)과 속(俗)의 교차

박상진 ( Sang Jin Park )
12,400
초록보기
The problem of the relationship between the sacred and the profane leads us to highlight Dante`s world in terms of the concept of love. Dante`s world consists in the unique and persistent endeavor to question how such diverse oppositions as human reason and divine providence, physical desire and spiritual love, political power and sacramental authority, the vernacular-peripheral language and the Latin-central language, are all harmoniously intermingled. We may take the concept of love as the most proper way to approach Dante`s world for which the problem of the relationship between the sacred and the profane offers a platform to discuss the subject of ‘Dante in love’. Eliade`s book The Sacred and the Profane provides us with the starting point for our discussion although he tends to advocate the Sacred exclusively; in contrast, the love, for Dante, seems to derive from the associative relationship of the sacred and the profane. Saint Augustine and the Roman poet Vergil are noteworthy for my work of classifying Dante`s love in those two properties, and further, Beatrice, Francesca, Odyssey, and the Virgin Mary are all analyzed in order to show that the sacred and the profane are associated with each other in Dante`s poetic writings (the Divine Comedy and the Vita nuova) so as to make him move toward salvation successfully. In his pilgrimage, Dante never assures us that his love is completely pure; rather his love can be contaminated and corruptible. It is from this affirmation that he is substantially faithful to Augustine`s belief on the way of our ‘good’ existence and at the same time for his guide adopts Vergil who was the Roman pagan poet, and shows an ambiguous attitude to Beatrice, Francesca and Odyssey that can hardly belong to any pre-fixed category between the sacred or the profane. The Virgin Mary is certainly the origin of the association between the sacred and the profane in that She dispatches Lucia and Beatrice to save the pilgrim Dante in the dark wood, and more importantly, she employes her free will for the incarnation of Jesus Christ which implies that the Virgin Mary plays the role of mediating God and human. Now on the summit of the paradise, the pilgrim gets united with the God but he invites us to refer to the whole process of his pilgrim from the dark wood to the eternal happiness. The salvation is here suggested as his experience of uniting the sacred and the profane rather than directing toward the completely pure status of the sacred.

새로운 표준 이탈리아어의 구성 요소에 대한 분석

윤종태 ( Jong Te Yun )
6,500
초록보기
Sulla base delle ricerche di alcuni studiosi che si sono occupati delle varieta condivise da parlanti di classe sociale medio, ho fatto una rassegna dei diversi tratti costruttivi che rientrano nel cosidetto ``italiano dell`uso medio`` o nell`italiano neostandard di cui ha parlato Gaetano Berruto. Elaborando una lista, mi sono convinto che nell`aspetto della lingua italiana si e verificata una riconfigurazione che ha riconosciuto un registro medio della lingua diversa dalla norma stabilita. I tratti ritenuti costitutivi del cosidetto italiano neo-standard sono di gran lunga appartenenti al dominio morfosintattico. Nel dominio morfologico ho esaminato la riorganizzazione del sistema pronominale e del sistema dei dimostrativi, la selezione di congiunzioni, il ci ‘attualizzante’, il che polivalente. E in quello sintattico, gli argomenti che riguardano all`italiano dell`uso medio sono le concordanze a senso, l`ipotesi dell`irrealta con l`imperfetto, ridondanze pronominali, accusativo preposizionale. Devo aggiungere che anche questi tratti popolari hanno una lunga tradizione, e il neostandard e solo un risultato del riproponimento degli usi e dei costrutti che esistevano gia dalle origini.
6,000
초록보기
Dopo aver pubblicato Se questo e un uomo, La tregua e Il sistema periodico, Levi si dedica alle riflessioni piu complesse sulle problematiche di Auschwitz e nel 1986 pubblica I sommersi e i salvati, l`ultimo libro dell`autore. Attraverso Se questo e un uomo e I sommersi e i salvati, questo studio cerca di rintracciare i pensieri e le riflessioni dell`autore torinese sulle estreme esperienze del campo di concentramento nazista e di scoprire i suoi significati piu importanti. Levi comincia a prendere il ruolo di testimone scrivendo il suo primo libro, romanzo autobiografico e a quarant`anni di distanza ritorna come testimone piu attivo con la pubblicazione delle riflessioni sugli aspetti interiori del fenomeno Auschiwitz e sulla natura umana con sguardo piu penetrante e profondo. Nella sua ultima opera, l`autore ci fa notare ancora una volta che la violenza storica di Auschiwitz possa ripetere: "E avvenuto, quindi puo accadere di nuovo: questo e il nocciolo di quanto abbiamo da dire." E certo che Il suo allarme vale pure per noi che viviamo in un paese diviso in due, ancora esposti al pericolo della violenza.

보카치오의 언어사적 위치

조문환 ( Moon Hwan Cho )
6,600
초록보기
Boccaccio, insieme a Dante e Petrarca, si impone come modello prosastico letterario nella storia della lignua italiana. Mentre la lingua poetica viene fissata ben presto come posto stabile nell`ambiente della Toscana, quella della prosa non occupa ancora un certo spazio nel Trecento. Con il Decameron, Boccaccio aveva due lettori ben diversi: quelle persone della classe mercantile che desiderava appropriarsi del Decameron in volgare, e quegli intellettuali che privilegiavano il latino al posto del volgare. Nella trascrizione degli originali in volgare essi subiscono molte modifiche incluse tagli e inserzioni, mentre quelli tradotti in latino diventano anche piu monotoni e anche tragici. Il Decameron si diffonde cosi tramite i copisti e Boccaccio, alla fine, ottiene un giudizio ottimo da parte degli umanisti, quali Leon Battista Alberti e Lorenzo il agnifico soprattutto nel tempo dell` "umanesimo volgare". La fortuna di questa lingua viene sancita in modo decisivo dalla tesi bembiana, successivamente assunta dall`Accademia della Crusca, secondo la quale il modello volgare deve essere il toscano letterario trecentesco, nobile lingua di letteratura, ma non il toscano del tempo. Ho presentato e analizzato in questa sede quale aspetto del linguaggio di Boccaccio ha contribuito alla normalizzazione dell`italiano scritto, focalizzando la ricerca sulla lingua e sulla forma lessico-grammaticale e sintattica del Boccaccio anziche sugli aspetti letterari.
6,800
초록보기
Leonardo Sciascia considera che lo scrittore svela la verita decifrando la realta e sollevandola alla superficie, in un certo senso semplificandola, anche rendendola piu oscura per come la realta spesso e. E ce` una differenza tra questa oscurita e quella dell`ignoranza: non si tratta dell`oscurita dell`inespresso, dell`informe, ma al contrario dell`espresso e del formulato. Ecco perche Sciascia utilizza spesso il discorso del romanzo poliziesco, questa forma di resoconto che tende alla verita dei fatti e alla denuncia del colpevole, anche se non sempre il colpevole si riesce a trovarlo. Nei gialli di Sciascia non e importante chi siano colpevoli. Siccome potrebbe darsi che chiunque potesse essere un assassino. La loro regola di vita e l`omerta come quella di mafia. I sistemi governali non sanno distinguere l`imperfezione la quale si esiste fra l`imparziaita e la parzialita. I gialli di Leonardo Sciascia rivelano che il governo non riesce di lasciare l`inabile sistema organizzativo. Vitaliano Brancati scrive 『Il bell`Antonio』, il racconto tragicomico di una impotenza sessuale dissimulata in cornici vitalistiche. Alla caduta del fascismo il protagonista di questo romanzo, Antonio resta indifferente alle speranze comuni, sorpreso alla fine del romanzo da un improvviso riflusso di erotismo. Da questo trama e il lmotivo di lussuria si puo interpretare l`impotenza del fascismo fallito a cambiare la societa. E poi nell`incompiuto e pubblicato postumo e『Paolo il caldo』, storia di una ossessione erotica, che si porta alla distruzione. Questa lussuria distruttiva signofica metaforicamente il fascismo distruttiva. La forma giallo di Sciscia e il motivo di lussudia di Brancati sono stati scelti come metodo per criticare il male prepotente della societa e per sollecitare a svelare le realta attuali ai lettori di quel epoca.

르네상스 예술 장르의 상호 관계성과 시각 문화

최병진 ( Byung Jin Choi )
7,800
초록보기
L`argomento di questa ricerca su L`interdisciplinarita tra generi artistici e la cultura visiva nel Rinascimento e stato scelto per analizzare una questione essenziale della storia dell`arte: i modelli narrativi dell`arte visiva in relazione a quelli testuali. Il Rinascimento e stato un periodo significativo nella storia culturale dell`Occidente perche fornisce la teoria dell`arte visiva, consociuta come il canone accademico. Nel primo periodo del Quattrocento l`idea sulla descrizione della storia di Lorenzo Valla influenzava quella artistica di Alberti. Questo discorso si trova nel libro De pictura, un trattato sulla pittura scritto da Leon Battista Alberti, dapprima in volgare, nel 1435 dedicandola a Filippo Brunelleschi. La nuova esigenza culturale del teorico e trovare un metodo efficiente del modello narattivo della pittura, in cui si trova una nuova via artistica. Anche Pomponio Gaurico, l`umanista chi si dedico anche alla scultura (bronzistica), cercava una definizione sul modello efficiente della scultura rimettendo la questione albertiana sull`arte: la scultura deve esprimere l`ambiguita nel suo aspetto per la finalita narrativa. Nel caso di Leonardo da Vinci, questa idea portava ad una nuova questione del valore tra l`arte visiva e quella della poesia. Il genio del Rinascimento offre la superiorita della pittura osservando il mondo come filosofo. La ragione in cui metteva la superiorita della pittura sul valore letterario e la percezione umana come il metodo della conoscenza del mondo, cosi si mette una questione da risolvere: il rapporto tra l`oggetto artistico e il fondo. Questi due elementi fondano l`espressione narrativa della pittura definita attraverso il termine critico: la grazia. In fine Giorgio Vasari confermava teoricamente diversi approcci precedente di questa tema tramite il suo famoso libro Le vite. In questa ricerca ho cercato di confrontare questa tema con le opere d`arte, analizzando il modello narattivo dell`arte visiva per chiarire il punto di vista teorico nei trattati artistici contemporanei del Rinascimento. Donatello, Beato Angelico, Leonardo da Vinci, Michelangelo e di Raffaello erano sostenitori e promotori di questo sviluppo teorico. Penso che quest`analisi puo offire le chiave della lettura delle arti visive, ma anche si puo collegare il contesto storico sociale del Rinascimento con altri generi artistici. Il contesto sociale della convenzione artistica puo essere differente da quello culturale, ma nel caso del Rinascimento il constesto della convenzione artistica dimostra un valore sociale attraverso la motivazione della scelta da parte degli artisti per la finalita dell`arte: la comunicazione sociale. In questo senso, l`idea del modello narratvio sia artistica che letteraria dimostra l`episteme che guidava le dottrine e tecniche dei artisti ricollegando il suo contesto culturale.
1 2 >